Dall’incendio in rimessa alla telecamera bruciata a Sale

Telecamere-videosorveglianza

Bruciato da ignoti uno degli «occhi elettronici» del paese. L’atto vandalico nei confronti di una delle quattro nuove telecamere di sicurezza poste recentemente ai varchi del territorio comunale franciacortino è avvenuto sabato notte, a poche ore di distanza dall’incendio della rimessa del gommista di via IV novembre.

Una delle innovative dotazioni tecnologiche, installata nel varco a sud del paese, in via Sale, è stata incendiata. Gli agenti della Polizia locale ipotizzano che il colpevole sia ricorso ad un lungo bastone al quale avrebbe applicato, ad una delle estremità, uno straccio imbevuto di sostanze infiammabili. Una volta accesa la rudimentale torcia il malvivente ha bruciato i circuiti della telecamera che ora è stata riconsegnata nelle mani della ditta produttrice per la riparazione. Lo strumento, posizionato poco più di un mese fa nella via che, dalla Stacca, conduce in paese, permette la rilevazione di macchine scoperte da assicurazione o revisione e dei veicoli rubati o sottoposti a fermo fiscale, oltre a fungere da sistema di videosorveglianza.

L’episodio vandalico è avvenuto poche ore prima dell’incendio nella rimessa del gommista e in paese c’è già chi ipotizza la presenza di un piromane o di criminali, che avrebbero messo fuori uso l’occhio «indiscreto» prima di appiccare l’incendio alla rimessa per garantirsi la fuga. In alcuni giorni, spiega l’Amministrazione Comunale, che ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri ma esclude un collegamento tra i due episodi, la telecamera verrà ripristinata. Nel frattempo le forze dell’ordine hanno intensificato i controlli.
Federico Bernardelli Curuz

Fonte: Giornale di Brescia