Volley Gussago travolgente tra le mura di casa, Segrate ko

Lpr Record Supercyclon Volley Gussago – Volley Segrate 1978 3-0
(25-10, 25-16, 25-19)

Fra le mura amiche la Lpr Record Supercyclon Volley Gussago ritorna ad essere un rullo compressore e, questa settimana, sono le Milanesi del Volley Segrate a farne le spese. Le giovani ospiti infatti nulla hanno potuto fare per opporsi al gioco travolgente messo in campo dalle ragazze del presidente Vanoglio. La differente situazione attuale di classifica tra le due formazioni si è vista tutta e, questo, ha permesso all’allenatore Ghilardi di mettere in gioco anche alcune giocatrici che, fino ad ora, minuti di partita ne avevano fatti meno.

La Lpr si schiera nel suo quadrato con Castelli al palleggio in diagonale a Cappelletti, Ferrara e Fra a presidiare il centro della rete, Rizzi con Arcari attaccanti ricevitrici e Stornati libero. Le ospiti partono con Galeone in regìa opposta a Sarti, Grazioli e Moro centrali, Orio con Fumagalli attaccanti di posto quattro e Minoia libero.

La Record Ricambi parte con la quarta innestata ed è Cappelletti al servizio da fondo campo a favorire la fuga che diventa subito decisiva. Le sue battute insidiose costringono le ospiti a risposte facili che diventano, per le nostre ragazze, ripartenze travolgenti. Il Volley Gussago allunga 7 a 2 che poi, grazie agli attacchi della coppia Rizzi – Arcari diventano 16 a 6. Le ospiti non riescono a trovare soluzioni in grado di arginare gli attacchi delle padrone di casa e, per capitan Rizzi e compagne arrivare a 25 è un gioco da ragazze.

Nel secondo set Ghilardi inserisce Marta Cadei al centro in sostituzione di Cinzia Fra. Il Segrate resiste per alcuni punti ma è di nuovo con Cappelletti alla battuta che la Lpr accellera e scappa portandosi avanti 11 a 4. Con Castelli a ben orchestrare le sue “bocche di fuoco” Rizzi, Cappelletti e Ferrara, la Supercyclon prima allunga 18 a 12 per poi portarsi sul punteggio di 22 a 15. Ghilardi richiama in panchina Arcari per inserire la giovanissima Zampedri e le sue ragazze chiudono il parziale 25 a 16.

Nel terzo set ritorna Fra per Ferrara ed entra in gioco Valeria Gerri per Cappelletti. Anche questo parziale resta in equilibrio solo per i primi cinque punti e si rompe anche grazie ai servizi di Camilla Arcari. Con un ace ed altre battute velenose consente l’allungo alla sua squadra che si porta avanti 10 a 4. Rizzi e Gerri non sono di meno ed il Volley Gussago, pur non essendo “spumeggiante” come nei due parziali precedenti, tiene le ospiti a debita distanza. C’è spazio di nuovo anche per Sara Zampedri che, tornata in campo sul punteggio di 20 a 14, mette per terra il suo primo pallone in questo campionato che vale il ventitreesimo punto della sua squadra. In seguito è con una veloce al centro che Cinzia Fra chiude i conti di questa partita con le ospiti a quota 19.

Anche con questo successo, in meno di un’ora di gioco, le ragazze di Ghilardi si ripetono fra le mura domestiche confermando una imbattibilità casalinga che crediamo difficile da interrompere per qualsiasi squadra arrivi alla palestra di Navezze. Con la settima vittoria su otto gare il Volley Gussago si conferma al secondo posto in classifica e si prepara alla difficile e più distante trasferta del suo girone. Venerdì prossimo si va a Villa Cortese contro una squadra che, visto la sua precaria posizione di classifica, sarà sicuramente affamata di punti. Ai nostri tifosi l’appuntamento nella palestra di Navezze sarà per sabato 16 sempre alle ore 20:30. Alè Lpr Record Supercyclon Volley Gussago.

Lpr Record Supercyclon Volley Gussago: Cinzia Fra 3, Francesca Ferrara 6, Giulia Rizzi 12, Chiara Iore, Valeria Gerri 4, Marta Cadei, Camilla Arcari 10, Sara Zampedri 1, Jessica Cappelletti 9, Anna Castelli 2, Anna Tregambe, Silvia Stornati (L). Allenatori: Giovanni Ghilardi e Luca Medici.
Volley Segrate 1978: Minoia, Fumagalli, Orio, Della Monica, Moro, Galeone, Braghetto, Bronzi, Petridis, Grazioli, Sisti, Sarti, Zanon. Allenatori: Sonia Signoria e Davide Andreani.

Arbitro: Soviola GianMarco (Mn)

A cura di Claudio Delorenzi