Apertura centro Nemo: una nuova frontiera per il “Richiedei”

Fondazione Richiedei

Se i tempi procederanno come da calendario, e le verifiche saranno superate, dal 1° ottobre il «Richiedei» di Gussago accoglierà un Centro clinico Nemo (NeuroMuscular Omnicentre) negli spazi un tempo occupati dalla cardiologia riabilitativa. «In linea con il nostro Statuto, e come già in altre circostanze, ci siamo messi dalla parte dell’ammalato e accolto la sua richiesta d’aiuto – spiega Carlo Bonometti, presidente della Fondazione Richiedei – In Italia sono circa 40mila le persone colpite da malattie neuromuscolari e il nuovo Centro Nemo sarà punto di riferimento non solo per la nostra provincia, ma anche per quelle di Mantova, Cremona e, probabilmente, Verona». I Centri Nemo prendono in cura le persone con malattie neuromuscolari quali Sla, Sma e distrofie muscolari in un’ottica multidisciplinare, per cui oltre alle esigenze cliniche dell’ammalato, viene posta attenzione anche ai suoi bisogni assistenziali, psicologici e sociali. Il progetto è personalizzato, e il lavoro si estende anche alla famiglia del malato. «Alla base c’è l’accordo che abbiamo raggiunto con la Fondazione Serena – conclude Bonometti – Loro avevano bisogno di coprire la Lombardia orientale con un nuovo Centro, noi avevamo gli spazi disponibili. Vinto il bando indetto dall’Ats, abbiamo messo a disposizione i locali e forniremo i servizi alberghieri e logistici; Fondazione Serena sta facendo ristrutturare gli spazi secondo le proprie esigenze (ogni stanza disporrà di un letto per il malato e di uno per il parente) e avrà la diretta gestione sanitaria e clinica del Centro in collaborazione con la facoltà di Medicina dell’Università di Brescia, sarà cioè titolare dell’accreditamento dei posti letto». Non è escluso che in futuro il Centro Nemo possa richiedere l’accesso ai servizi erogati dai nostri reparti di riabilitazione».
M.L.

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News