“Bonomi Group” corre con gli investimenti

Rubinetterie Bresciane Bonomi

Bonomi Group consolida il presente e prepara il futuro, per confermarsi leader nel settore industriale dell’idraulica e del riscaldamento con la produzione di componenti per la regolazione del passaggio dei fluidi liquidi e gassosi. Una linea d’azione supportata anche dalle performance che riassumono il 2017 di Rubinetterie Bresciane, Valpres e Valbia: i ricavi aggregati salgono a 115,7 milioni di euro con un incremento del 10%, l’utile netto passa da 11,6 mln a 11,75 milioni di euro. Una crescita destinata a proseguire anche grazie allo sforzo sul fronte degli investimenti, superiore ai 27 milioni nel triennio 2017-2019. Una parte dell’impegno è stata concretizzata l’anno scorso (6,63 milioni di euro), il resto sarà spalmato in questo e nel prossimo esercizio, come hanno spiegato i fratelli Aldo (presidente e amministratore delegato; è Cavaliere del Lavoro) e Carlo Bonomi (vice presidente e amministratore delegato), supportati dai figli Massimo (plant manager Valpres), Alessandra (responsabile ufficio acquisti Valpres), Mario (plant manager Rubinetterie Bresciane), Marta (responsabile marketing) e Monica (responsabile acquisti Rubinetterie Bresciane e Valbia). Mauro Bettoni è il responsabile finanziario.

«Investire è fondamentale per restare competitivi – sottolinea il presidente Aldo Bonomi -: oggi bisogna fare prodotti sempre più innovativi e sempre migliori per acquisire quote di mercato. È questa la vera sfida, e non si può vincere se non con investimenti importanti a ogni livello. Uno sforzo da compiere coinvolgendo anche le nuove generazioni della famiglia, che stanno crescendo anno dopo anno nelle aziende». I ricavi complessivi del gruppo, equamente divisi tra Italia e mercati esteri, nel primo semestre di quest’anno mostrano un progresso dell’8% che, però, difficilmente, avrà ripercussioni simili sui profitti considerato l’aumento notevole del costo delle materie prime. Dal punto di vista occupazionale Bonomi Group continua il processo di crescita e di ringiovanimento: in quattro anni i dipendenti salgono del 10%, anche se non mancano difficoltà a reperire risorse adeguate da inserire nelle singole realtà. «Cerchiamo persone diplomate, che partano dal basso per crescere con noi – sottolinea Mario Bonomi -: una persona che fa carriera interna è un bene importantissimo, oggi purtroppo non è facile trovare figure disposte a questo. Magari preferiscono altre soluzioni più attraenti nell’immediato, ma meno spendibili in futuro». Su questo tema insiste anche Aldo Bonomi. «I dipendenti sono fondamentali e importantissimi di ogni azienda – ammette -: abbiamo la necessità di formarli e coinvolgerli in un percorso di crescita. Servirebbe un cambiamento culturale, la fabbrica non è un ambiente dove si sta male, ma una realtà di altissimo livello dove si lavora in modo molto specializzato. Se a Gussago» – quartier generale del gruppo – «facciamo fatica a trovare risorse, le difficoltà aumentano in Valle con Valbia e Valpres: dicono che la strada non conta, ma oggi spostarsi per lavorare è un problema per molti». Il futuro di Bonomi Group è tracciato e si fonda sui massicci investimenti destinati a interessare tutte le società: le basi si cui poggiano Rubinetterie Bresciane, Valpres e Valbia sono solide, anche se l’incremento del costo della materia prima rischia di essere la zavorra, che aumenta i costi e condiziona inesorabilmente il risultato finale.
Daniele Bonetti

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News