Ri-Scopri Gussago

«Castello di Gussago» fascino e storia in cantina

Fine settimana di visite e degustazioni per la cantina Castello di Gussago. In concomitanza della Festa dell’Uva del bel paese franciacortino e del Festival Franciacorta in Cantina, l’azienda gestita dai giovani esponenti della famiglia Gozio si apre al pubblico. Gli appassionati visitatori potranno scoprire un’affascinante realtà, adagiata in una zona collinare e attorniata da vigneti, tra i suoni e silenzi della natura, a pochi chilometri dalla città, ma già nel pregiato territorio della Franciacorta. In questa particolare occasione sarà possibile degustare tutta la ricca gamma

Ri-Scopri Gussago

La “Grappa” per distillazione diretta delle vinacce

La Grappa viene ricavata per distillazione diretta delle vinacce. Le vinacce sono le bucce degli acini di uva separate dal mosto o dal vino; buone e rigogliose quelle ricavate con pressatura soffice, ricche di umidità e conservate in contenitori o ambienti chiusi fino a fermentazione terminata. I nostri vecchi dopo la prima torchiatura le “sfregolavano” per riporle una seconda vola sotto la pressione del torchio. La distillazione migliore avviene lentamente, delicatamente, per mezzo di vecchi tradizionali alambicchi, dove il vapore attraversa la massa spugnosa delle

Ri-Scopri Gussago

Dalla buona terra al mosto che si fa vino

Col massimo rispetto per “sor’ acqua, la quale è molto utile et umile et pretiosa et casta” – oltre ad essere necessaria per l’esistenza della vita e perciò la nostra stessa esistenza – necessita riconoscere che… essa sa solo di acqua. L’uomo, perciò, accolse con grande gioia la scoperta, probabilmente del tutto casuale, del “fermentato d’uva“. Il vino è una bevanda diventata subito “popolare”, tanto da incidere profondamente nelle varie culture: in economia, quale fonte di ricchezza; in letteratura, come fonte di ispirazione. Nel campo religioso

Ri-Scopri Gussago

8 settembre: festa della “Madonna della Stella”

Sino agli anni 90 del secolo XX la festa votiva della Madonna della Stella (l’8 settembre, giorno della natività di Maria) veniva celebrata, a turno triennale, da ciascuna delle tre Parrocchie: Santi Vigilio e Gregorio Magno in San Vigilio di Concesio, San Giorgio in Cellatica e Santa Maria Assunta in Gussago. Era bello sentire la gente, i fedeli: “…quest’anno tocca a noi di Gussago, l’anno prossimo invece a Cellatica …” e così via. Da tempo, come accennato, non accade più. Forse il sano antagonismo, pur moderandolo,

Santuario Madonna della Stella
Ri-Scopri Gussago

Santuario “Madonna della Stella”

Su una collina posta tra i comuni di Concesio, Cellatica e Gussago, chiamata Selva per la folta vegetazione, sorge il Santuario della Madonna della Stella. In quel luogo, il 31 maggio 1536, ultimo giorno del mese dedicato alla Vergine, la Madonna apparve ad un povero sordomuto, certo Antonio de Antoni, di Gardone Val Trompia, che vi stava pascolando il gregge di un possidente di S. Vigilio. Il pastore stava recitando il rosario, quando all’improvviso, rifulse davanti ai suoi occhi una stella talmente lucente da vincere

Esibizione di palla elastica
Fotogallery

Fotogallery esibizione di palla elastica in via Roma

Domenica 26 agosto si è tenuta in via Roma a Gussago un’esibizione di palla elastica organizzata dagli amici del Bar La Smorfia. Durante la giornata si sono succedute numerose partite all’insegna del divertimento anche se l’agonismo non è certo mancato. Numeroso il pubblico che ha assistito all’iniziativa: qualcuno tra i presenti avrà certamente ricordato i “vecchi tempi”. La palla elastica infatti è stata a lungo molto diffusa a Gussago e via Roma era uno dei principali “campi” di gioco. Per molti anni si è poi

Eventi/Incontri

Ss. Nome di Maria: approfondimento sulla solenne festa patronale di Ronco

La Parrocchia di Ronco dal 1^ al 10 settembre 2012 festeggia il Ss. Nome di Maria. Riceviamo e pubblichiamo con piacere un articolo tratto dal “Bollettino parrocchiale di Ronco – Settembre 2012” in cui viene trattata la solenne festa patronale di Ronco. FORSE NON TUTTI SANNO CHE… Rileggendo qua e la alcuni capitoli del libro “Ronco di Gussago, frammenti di storia” pubblicato e distribuito a tutte le famiglie nel 1995 e scritto dalla gussaghese Rinetta Faroni, mi sono imbattutto quasi per caso in alcuni paragrafi che citano la

Ri-Scopri Gussago

La “Pace di Gussago” e la “Congiura di Gussago”

All’assedio, lungo e cruento, di Enrico VII a Brescia, aveva fatto seguito (e da esso provocata) una grave pestilenza che durò ben due anni. Le rivalità faziose, covate sia dal popolo che dalla nobiltà in questi frangenti dolorosi, tra Guelfi e la parte ghibellina imposta da Enrico VII, esplosero violente nel 1311. I Guelfi assalirono e soverchiarono i Ghibellini (Guelfi erano detti i partigiani dei Malatestiani e Ghibellini la fazione favorevole ai Visconti dominanti), ma in aiuto di questi subito accorsero gli amici di Bergamo e

Notizie

I Piardi di Gussago al Rifugio Piardi al colle di San Zeno per celebrare i 525 anni di vita dei Piardi

I Piardi di Gussago al Rifugio Piardi al Colle di San Zeno, all’ombra pomeridiana del Monte Guglielmo e spartiacque tra la Val Trompia e la Val Camonica, sopra Palot e Fraine di Pisogne e sopra Pezzaze ad est, per celebrare i 525 anni di vita dei Piardi. 2 settembre 2012. Sono trascorsi cinque secoli ed un quarto da quel 2 settembre 1487, quando comparve in PEZZAZE di VAL TROMPIA Giovanni PIARDO (dei Piardi), compratore di terreni e beni dall’antica Comunità pezzazese. Questo dato è “certificato”

Ri-Scopri Gussago

Cenni storici su Gussago: il borgo di Sale e il suo castello (parte 2)

Il castello Poco lontano, sempre sulla dorsale collinare, i feudatari di Sale si erano costruito, almeno fin dal X secolo, il castro, un vero e proprio castello, ritenuto per anni da alcuni studiosi una casa torre, dalle solide mura larghe un metro e mezzo. Erette in pietre squadrate da abili scalpellini e ben collocate, formavano (e sono visibili ancora oggi) sia la struttura perimetrale che il “volto” delle stanze al pianterreno e le pareti di quelle superiori, poste appunto a torre, con stretta scala interna

Ri-Scopri Gussago

Cenni storici su Gussago: il borgo di Sale e il suo castello (parte 1)

Un castello, un palazzo, corti e cascine Il territorio di Sale è caratterizzato dalla collina su cui sorge la Chiesa di S. Stefano, dai due nuclei antichi di Croce e Sale e dalle cascine collocate su ben definiti percorsi, legati alle coltivazioni nella pianura. Abbiamo già visto che nei terreni ai piedi del cosiddetto “monte di Sale” si erano stabilite varie tribù e in seguito si erano organizzate ville rustiche, aziende agricole connesse allo sfruttamento dei terreni agricoli, sia in età romana che longobarda. In

Ri-Scopri Gussago

Cenni storici su Gussago: l’abitato di Ronco

Il nucleo abitato di Ronco, formatosi come comunità organizzata vera e propria fin dall’alto medioevo, si è conservato pressoché uguale per secoli come un piccolo agglomerato non fortificato, aperto su alcune strade, privo di un preciso centro e di case sparse, raccolto in una unità urbanistica abbastanza simile ad altre di Franciacorta. La sua posizione geografica posta sul percorso tra Gussago e Rodengo, a mezzo tra collina e pianura, ha determinato insediamenti di edifici sui lati delle strade, perpendicolari su quelle da nord a sud,

Ri-Scopri Gussago

Che tempo farà? La risposta su meteogussago.it

Per molti la domanda «com’è il tempo domani?» è un intercalare, un modo per riempire i tempi vuoti di un dialogo, una cosa di poco conto, insomma. Non è certo il caso di Nicola Ferlinghetti, giovane imprenditore gussaghese, fondatore di meteogussago.it, dominio che di anno in anno cresce in popolarità, arrivando addirittura a toccare i seimilatrecento contatti in un mese, cifra di tutto conto per un sito meteorologico che concentra le proprie attenzioni quasi esclusivamente a un unico paese. «Ho creduto fin da subito – ci racconta – al progetto meteo gussago e alla sua diffusione, volevo far