Ciclismo: Perani e Trainini protagonisti a San Vigilio

Tomas Trainini
Tomas Trainini

A Concesio super Trainini rompe il digiuno

Tomas Trainini ritrova il feeling con la vittoria a San Vigilio di Concesio con un rush finale di rara potenza: l’allievo della Ronco Maurigi, assente dal vertice della classifica di giornata dal 17 aprile quando primeggiò a Mariano Comense, riprende lo scettro nella tredicesima edizione del Trofeo Comune Concesio, organizzato come al solito senza pecche dal Gs San Vigilio di Ernesto Tanghetti e Franchino Franzoni.

Il finale regala entusiasmo in quantità industriale: negli ultimi mille metri si alternano al comando Andrea Luca Giuliani (Zwt Zanola Mazzano), Andrea Figini (Sovico) e per pochi metri Andrea Gatti (Polisportiva Camignone). Quando però Tomas Trainini apre il gas gli avversari perdono il mozzo della sua bicicletta e alla fine sono costretti a lottare per il podio. La prestazione del gussaghese assume un significato particolare perché non è rimasto nella pancia del gruppo per preparare la volata finale: per un paio di volte è uscito allo scoperto a caccia di gloria. Tanta tenacia e voglia di tornare a primeggiare è stata premiata sulla dirittura d’arrivo. Vittorioso al debutto nella categoria a Ghedi, primo anche a Camignone e Mariano Comense, secondo a Lodetto di Rovato e terzo a Seriate cogliendo cinque podi in altrettante corse, Trainini sembrava dovesse centrare la zona medaglia senza soluzione di continuità. Invece dal 17 aprile non ha più ritrovato l’impeto agonistico che in precedenza gli aveva permesso di svettare. E particolare non trascurabile si era messo anche al servizio dei compagni di squadra, tra i quali Pasquale Lamanna, che si è imposto nella Orzivecchi-Sarezzo, Memorial Nino Manini.

La corsa snocciolatasi su un circuito nervoso nell’abitato di San Vigilio e Villa Carcina percorso dai 96 partenti sette volte, ha come sempre riservato alcuni attacchi e contrattacchi che non hanno però avuto fortuna. Come del resto è accaduto nelle edizioni precedenti conclusesi con una volata a ranghi affollati: un anno fa su questo traguardo si impose Michele Gazzoli, che conquistò anche la corona bresciana. Grande nervosismo fin dall’avvio insomma, ma allunghi e scatti che non hanno sortito l’effetto sperato per la pronta reazione del gruppo. Nova e Giambersio del Pedale Arcorese sono stati i primi a cercare di mettere paura agli avversari. La loro buona volontà però non è bastata perché sono stati fagocitati nel giro di pochi chilometri. Di ben altra sostanza sembrava dovesse essere l’attacco concertato nel quinto giro dall’enfant du pays Anelotti insieme a Bettinetti, Giuliani, Facchini, Figini e Casiraghi: sestetto molto bene assortito che ha guadagnato anche un discreto margine di vantaggio sul gruppo dal quale in precedenza era andato un paio di volte all’attacco colui che poi si sarebbe imposto. Sollecitati dai propri tifosi, dirigenti e tecnici i sei di testa sono rimasti davanti a tutti fino a tre chilometri scarsi dall’arrivo. Poi hanno raschiato il barile Giuliani e successivamente Figini, ma nelle ultime centinaia di metri è salito alla ribalta Trainini, che ha risposto da par suo anche al volitivo e mai domo Gatti. Terzo all’arrivo ancora una volta Volpi, costretto ad accontentarsi del bronzo.
A.MAS.

Perani, gioia in casa: diventa re a San Vigilio

Una «prima» tanto attesa festeggiata in una terra con grande vocazione per il ciclismo: gli esordienti Riccardo Perani (Ronco Maurigi) e Aronne Antonetti (Dal Zovo Bolladello Varese) si sono affermati nelle corse esemplarmente organizzate dal Gs San Vigilio che hanno messo in palio il Trofeo Ristorante Carne & Fuoco e il Memorial Marco Rovetta. Riccardo Perani, figlio di Sergio già direttore sportivo dei giovanissimi del club rosanero e presidente della dilettantistica Delio Gallina Colosio Eurofeed, ha finalmente rotto l’incantesimo a pochi chilometri da Gussago dove abita insieme a mamma, papà e una sorella.

Secondo a Camignone, terzo a Nave e Ronco, quarto a Calusco e sesto a Lodetto di Rovato, Perani sembrava destinato a guardare gli avversari dal basso all’alto. Questa volta invece ha messo il bavaglio a tutti sciorinando uno sprint da manuale che gli permette di vincere la sua prima corsa da quando è approdato alla categoria agonistica. Dietro di lui nell’ordine si sono piazzati Sebastiano Minoia (Sprint Ghedi) e Gabriele Raccagni (Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco) a completare una zona medaglia tutta bresciana di grande qualità. Bresciabici vince la sua seconda corsa stagionale in questa categoria, dopo quella siglata da Gabriele Raccagni a Camignone. Nell’altra manche il varesino Aronne Antonetti ha colto la sua prima affermazione al termine di un blitz offensivo siglato a poche battute dalla conclusione. Quando il vincitore ha allungato imperiosamente, solo pochi corridori hanno cercato di prendergli la ruota, ma quando ha ulteriormente aumentato il ritmo ha fatto la differenza scavando un buon solco alle sue spalle. La sua vittoria ha un sapore particolare perché è giunto a San Vigilio da Varese senza alcun compagno di squadra e alla fine è stato primattore davanti a numerosi e valorosi avversari. Secondo classificato con 10” di ritardo si è piazzato il piacentino Paolo Riva (Pontenure 1957), terzo e medaglia di bronzo il bresciano Giosuè Epis (Sprint Ghedi) sette giorni prima brillantissimo vincitore alla Contea di Ronco di Gussago.

Alle due corse hanno partecipanti 115 corridori: 51 del primo anno, 64 del secondo. I concorrenti si sono affrontati su un circuito di 5,500 chilometri percorso rispettivamente sei e otto volte per completare il chilometraggio programmato. Al termine, la chilometrica premiazione. E, dopo aver smontato la logistica, per gli organizzatori c’è stato l’immancabile banchetto al Ristorante Carne & Fuoco di Bovezzo, con Franchino Franzoni padrone di casa eccellente.
A.MASS.

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News