Lunedì 13 marzo al Richiedei la Commissione sanità e l’assemblea dei lavoratori

Fondazione Richiedei

La Commissione Sanità presieduta da Fabio Rolfi della Lega si riunisce stamane nella sede della Fondazione Richiedei. Il programma prevede un incontro nell’auditorium con il presidente Carlo Bonometti; il Sindaco di Gussago, Bruno Marchina; il sindaco di Palazzolo sull’Oglio, Gabriele Zanni; i direttori generali Ats Brescia, Carmelo Scarcella; Asst Spedali Civili, Ezio Belleri; Asst Franciacorta, Mauro Borelli e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Uil-Fpl, Cgil-Fp e Cisl-Fp Brescia. È prevista la partecipazione dell’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera e di Giovanni Daverio, direttore generale assessorato. Contestualmente, si svolgerà un’assemblea dei lavoratori organizzata da Cgil, Cisl e Uil all’entrata principale, in via Richiedei, 16.

Girelli (Pd): «Richiedei: no ai trasferimenti del Civile»

«Sospendere i trasferimenti dei due reparti del Civile dal Richiedei fino a quando ci sarà un piano complessivo per uscire dallo stallo». Questa la proposta di Gian Antonio Girelli, consigliere regionale del Pd e membro della Commissione Sanità della Regione. Proposta che giunge proprio nel giorno in cui i componenti la Commissione, presieduta dal leghista Fabio Rolfi, si trasferiscono dal Pirellone alla sede della Fondazione Richiedei per discutere del ruolo futuro della struttura.

«Il collega Rolfi afferma che “è necessario che la politica rompa la lunga inerzia sul Richiedei; se questo non accade, è legittimo che aumenti il sospetto che vi sia un preciso disegno per rendere appetibile la Fondazione ad ambienti esterni”. Ma questa è la nostra richiesta da tempo! Si faccia una scelta nell’immediato, con l’alcologia, dando risposta a necessità vere, ma si assuma una decisione forte per il futuro, il presidio ospedaliero territoriale capace di mettere il Richiedei nella sua duplice dislocazione, in grado di offrire i sevizi quantomai necessari ai cittadini, mantenendo la sua natura di privato no-profit a forte vocazione pubblica. Esiste la necessità di uscire una volta per tutte dalle soluzioni tampone, dalle proposte di breve respiro, bisogna avere la capacità e la forza di scelte intelligenti che rientrino in una programmazione territoriale sempre più aderente ai bisogni e capace di guardare al futuro».

La vicenda del Richiedei, per Girelli, è strettamente collegata alla situazione che si è creata dall’entrata in vigore della riforma della sanità regionale. «Una riforma “a tappe” mostra tutte le sue criticità e difficoltà nell’affrontare le necessità di cittadini e territori, addirittura trova enormi difficoltà anche solo nella sua applicazione – sostiene -. Molto c’è da riflettere su cosa significhi la promessa di unire ospedale e territorio, quando ad essere messe in discussione sono proprie le prestazioni territoriali, in prospettiva sempre più consegnate al privato. Si sta facendo sempre più urgente un momento di confronto, coinvolgendo i sindaci». Per Girelli, ci sono alcuni punti «insindacabili», con i quali «si deve fare i conti.

Partendo da un dato politico: «La maggioranza in Regione non può governare e comportarsi come minoranza quando interviene nel dibattito mediatico: deve dare ai bresciani le risposte che aspettano, faccia quello che ritiene necessario. Noi ci saremo». E dentra anche nel merito del ruolo dell’Ospedale Civile: «È di certo l’ospedale della città, ma è anche necessario riferimento della Lombardia orientale per le alte specialità». In questo, «gli effetti perniciosi della legge sono molteplici ed il declassamento de facto del Civile è, per noi bresciani, il più lampante: infatti, mentre dovrebbe occuparsi delle malattie più gravi e complesse, sulle sue spalle vengono caricati anche gravosi e impegnativi compiti, estranei alla sua esperienza e cultura. È facile prevedere che il privato, snello com’è, senza aver attribuito alcun onere, con rapporti avviati conle università, possa fare innovazione, ricerca e sviluppo meglio di macro-
aziende pubbliche, costrette a disperdere le proprie energie su più fronti».
Anna Della Moretta

Fonte: Giornale di Brescia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News