Consiglio comunale: “L’Italia conceda la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki”

Patrick Zaki

Patrick George Zaki è un attivista e ricercatore egiziano che ha deciso di investire parte della sua formazione accademica in Italia. Dall’8 febbraio 2020 si trova in detenzione preventiva in Egitto e rischia fino a 25 anni di carcere. Le autorità egiziane lo accusano di “incitamento alla protesta” e “istigazione a crimini terroristici”. La sua detenzione preventiva è stata più volte prolungata per periodi successivi di 45 giorni: si tratta di un accanimento crudele, senza che sia possibile nessuna difesa.

Per fare in modo che non si verifichi un nuovo caso Regeni (il ricercatore italiano assassinato in Egitto), sono molte le iniziative messe in campo dai vari Comuni italiani, a cominciare dall’assegnazione della cittadinanza italiana onoraria allo studente. Mercoledì 31 marzo 2021, il consiglio comunale di Gussago ha approvato una mozione, presentata dal consigliere Simone Valetti (Gussago Insieme), che prevedeva di chiedere al Governo Italiano di conferire la cittadinanza italiana a Patrick George Zaki, con 13 voti a favore e 3 astensioni.

Si tratta chiaramente di un gesto simbolico, simile a quanto fatto già da molti altri Comuni italiani, ma che ha come obiettivo quello di convincere il Governo a conferire la cittadinanza italiana allo studente egiziano. L’iniziativa segue quella del 22 febbraio 2020, quando il consiglio comunale di Gussago si era espresso, quella volta all’unanimità, chiedendo all’Amministrazione comunale, al Governo ed all’Unione Europea di seguire con attenzione la vicenda affinché i diritti fondamentali di Patrick George Zaki (così come quelli di tutte le minoranze oppresse in genere) non fossero in alcun modo violati, mettendo in campo ogni azione utile per sensibilizzare l’opinione pubblica, anche perché non si ripetesse l’atroce destino di Giulio Regeni.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News