Si costruisce un fucile: finisce ai domiciliari

Carabinieri forestali

Il “fai da te” ha sempre un suo fascino, ma quando ti costruisci una sorta, nemmeno troppo, di fucile, ha conseguenze penali. Conseguenze decisamente pesanti dal momento che si tratta di un’arma clandestina e la pena può andare dai tre ai dieci anni. Nei guai, più precisamente ai domiciliari, è finito un 59enne di Gussago. È stato sorpreso dai carabinieri forestali e arrestato. Sul suo furgone è stato trovato un tubo trasformato in un’arma in grado di sparare. Quando i carabinieri forestali l’hanno controllato era in un capanno con amici, ma non stava usando l’arma che, a quanto si è appreso, non ha fini diversi da quello della caccia, in questo caso più correttamente bracconaggio. Anche perché il 59enne risulterebbe sprovvisto di licenza di caccia. Questo aspetto ha ripercussioni sul fatto che in casa gli sono stati trovati alcuni pettirossi nel frigorifero. I carabinieri forestali hanno inoltre trovato delle munizioni risultate molto datate.

L’aspetto più rilevante, in quanto a esito di questo controllo, rimane sempre il sequestro di quel tubo in grado di sparare, realizzato, in più o meno totale autonomia. Con ogni probabilità il 59enne non si è reso conto della gravità da un punto di vista penale, d’essere in possesso di un’arma clandestina. Ora si tratta di capire cosa emergerà dagli sviluppi delle indagini e degli accertamenti, coordinati dal pm Benedetta Callea. Ieri il 59enne è stato sottoposto all’interrogatorio di convalida dell’arresto. Il gip ha convalidato e disposto i domiciliari.
M.P.

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News