Fare memoria del bene: martedì spettacolo “Il tribunale della coscienza”

Fare Memoria del bene 2015

Martedì 27 gennaio 2015, in occasione della Giornata della Memoria, è in programma a Gussago il secondo appuntamento della rassegna “Fare memoria del Bene”, organizzata dal Comune di Gussago e dalla parrocchia “Santa Maria Assunta”. Alle 20:30, nella sala “Mons. Bazzani” di Gussago, verrà proposta la pièce teatrale “Il tribunale della coscienza“. Protagonisti di questa rappresentazione teatrale saranno i ragazzi del Liceo “Moretti” di Gardone V.T. che hanno partecipato al progetto “Un treno per Auschwitz”. Sono stati accompagnati nel viaggio e seguiti nella preparazione dello spettacolo dalle prof.sse Giordana Sala, Laura Maccari e Alba Belleri.

Dopo la serata con padre Sorge, che ha visto il tutto esaurito nel salone Bazzani, la rassegna di Gussago prosegue dunque con una rappresentazione teatrale che pone al centro il tema della coscienza proponendo un percorso originale, che mostra come accanto a quanti obbedirono agli ordini di distruggere e di sterminare, di deportare nei lager e di uccidere nelle camere a gas, vi furono altri che invece si opposero al nazifascismo e a Hitler per non essere complici di un tale sistema: dal contadino austriaco Franz Jagerstatter che si rifiutò di vestire la divisa dell’esercito tedesco venendo per questo condannato a morte e decapitato, a Giorgio Perlasca che, fingendosi il console spagnolo, mise in salvo migliaia di ebrei ungheresi; dal dott. Korzak che restò sempre accanto ai propri ragazzi fino al sacrificio nel lager, al ciclista Gino Bartali riconosciuto “Giusto tra le nazioni” dallo Stato ebraico per avere contribuito alla salvezza di centinaia di ebrei. Nel corso della rappresentazione teatrale verranno presentate figure anche di altri Giusti, accanto alla rievocazione degli orrori della Shoah.

Il lavoro che verrà proposto dagli studenti del liceo Moretti di Gardone V.T. presenta dunque da un lato delle figure, come Adolf Eichmann, che non si posero problemi di coscienza ad uccidere, deportare, sterminare, bruciare nei forni crematori, e dall’altro persone che, nella notte della guerra e del nazifascismo, non vennero meno alla propria umanità e ai propri valori: uomini e donne che scelsero di stare dalla parte della giustizia e della libertà, opponendosi a mani nude al demone nazista, seguendo i dettami della propria coscienza ed esponendosi direttamente per salvare quanti erano perseguitati. Il Novecento ha certo il volto inumano, violento, intollerante e oppressivo di chi ha ucciso persone innocenti e indifese, sterminato interi popoli portando la guerra in tutto il mondo, ma ha anche il volto di chi in tali contesti ha cercato di resistere e di affermare il proprio diritto alla libertà, di chi ha condannato la sopraffazione e ha manifestato un desiderio di pace. Costoro spesso sono stati messi a tacere, con l’emarginazione, con l’esilio, con il carcere, con il sacrificio della stessa vita, ma la loro fermezza e la loro determinazione sono ancora oggi di esempio e di consolazione. Il potere più tirannico e assoluto non è riuscito a spegnere completamente la voce di chi parlava di dignità umana, di giustizia, di rispetto della persona. Alcune di queste testimonianze, purtroppo, con il trascorrere del tempo, sono state però dimenticate o comunque sono rimaste racchiuse e conosciute entro ristretti ambiti territoriali. Eppure si tratta di voci di altissimo valore, di assoluta autenticità.

Proprio alcuni di questi personaggi, ancora poco noti o addirittura pressoché del tutto ignorati, verranno proposti nello spettacolo “Il tribunale della coscienza”. L’intento è quello di offrire un contributo affinchè questi testimoni di pace e di libertà possano essere riscoperti in tutto il loro valore umano e culturale, nella coerenza delle loro scelte, nella testimonianza della loro vita.

Per approfondire:
– locandina spettacolo “Il tribunale della coscienza

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News