Gran Prix Bresciaoggi 2019, è una volata mozzafiato

Trainini Friuli maggio 2019

Gran Prix Bresciaoggi sempre più entusiasmante con almeno una ventina di corridori in lotta per il podio. A questo punto della stagione, solo nella categoria Juniores si registra l’allungo di Tomas Trainini che potrebbe risultare decisivo. Il velocista di Gussago per il secondo anno di fila all’Lvf di Bergamo viaggia a forza 10, il numero delle vittorie fin qui ottenute. Dall’alto dei 114 punti finora conquistati, può guardare al futuro con ottimismo. Giosuè Epis (Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco), che lo segue in classifica con 34 lunghezze di ritardo, è forse l’unico che può impensierirlo, ma per riuscire nell’intento deve cambiare marcia. E magari guardarsi le spalle da Federico Chiari (Giorgi), che dopo un periodo abbastanza sfortunato è tornato a ottenere risultati importanti e ora è terzo con 7 punti da recuperare al corridore di San Paolo. Mattia Pinazzi (Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco) e Lorenzo Balestra (Giorgi) completano la top five con 15 e 27 punti di ritardo da Epis. Devono però guardarsi dal ritorno di Walter Calzoni (Massì), sesto a 5 punti da Balestra e 17 da Pinazzi.

Nella categoria allievi tre corridori sono racchiusi in solo 6 punti. Gabriele Raccagni (Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco) è in cima alla classifica a quota 82: uno in più di quelli ottenuti finora da Riccardo Perani (Ronco Maurigi Delio Gallina), mentre a 6 insegue Sebastiano Minoia (Sarnico). In questo scorcio di stagione Gabriele Raccagni ha superato Sebastiano Minoia, il quale è però ancora in piena lotta per la vittoria. Chi più di tutti ha però allungato in maniera clamorosa è Riccardo Perani, ora in lotta per il primato dopo avere inseguito a lungo. Il figlio dell’ex dilettante Sergio è al momento l’under 16 più in forma. Nicolas Borsarini e Alex Bono del Progetto Ciclismo Rodengo Saiano occupano la quarta e quinta poltrona ma con 31 e 32 punti di ritardo dal leader.

Tra gli esordienti del primo anno ha preso la testa della classifica Davide Maifredi, della Polisportiva Madignanese (Cremona). Il corridore cresciuto alla Feralpi Monteclarense ha totalizzato 86 punti e ne vanta 7 di vantaggio sul sempre più bravo e regolare Gabriel Cominelli (Vallecamonica). Marco Baldan (Feralpi Monteclarense) e Luca Braghini (Ronco Maurigi Delio Gallina) inseguono a quota 68 e 65. È questa la categoria dove regna il maggiore equilibrio, con cinque corridori in 21 punti. Tra gli esordienti del secondo anno continua la fuga del duo della Ronco Maurigi Delio Gallina formato dal campione provinciale Simone Codenotti e dal campione regionale Daniele Bono. I due compagni di squadra sono divisi da 7 punti e sono lontani anni luce dagli avversari. Daniel Vitale (Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco) è pure quasi certo del terzo posto in virtù dei 66 punti finora conquistati, il doppio di quelli di Myles Corey Porcelli, cresciuto anch’egli alla Feralpi Monteclarense ma approdato da qualche mese in Piemonte al Pedale Ossolano. Simone Bortolotti (Feralpi Monteclarense) è invece a solo 2 lunghezze dall’ex compagno di squadra.

Nella categoria giovanissimi G6 sono in testa i favoritissimi della vigilia, Francesco Baruzzi (Mazzano) e Asia Zanardini (Ghedi Ciclismo). In campo maschile Francesco Baruzzi ha allungato sul compagno di squadra Saverio Leuzzi e Sebastiano Tavelli (Nuvolera), che inseguono con 18 e 20 punti di distacco. Alle loro spalle inseguono Alessio Fezzardi e Daniele Bregoli della Feralpi Monteclarense con 44 e 39 punti. Asia Zanardini ha innestato il turbo e ora guida dall’alto del suoi 64 punti, 22 in più di quelli ottenuti da Klea Kolasi (Mazzano), la quale è davanti per un solo punticino alla neo-campionessa provinciale Desireè Bani (Pedale Bresciano Aspiratori Otelli). Anche Vanessa Moreschi (Vallecamonica) può nutrire qualche speranza di agganciare la zona podio, anche se al momento deve recuperare 11 e 10 punti.
Angiolino Massolini

Fonte: Bresciaoggi