Immobiliare: Gussago tra i Comuni più ambiti nel mercato dei rustici

In vendita

Il 42,5% di chi ha acquistato un immobile di questo tipo nel 2014, ne ha fatto la prima casa. Tra i Comuni più ambiti: Gussago e Cellatica.

Il mercato dei rustici riprende vitalità dopo anni di stagnazione e la provincia di Brescia si distingue per l’appetibilità delle sue proposte. A confermarlo è l’ufficio studi di Tecnocasa, che spiega come, in seguito ad una drastica riduzione della domanda di queste soluzioni immobiliari, i prezzi negli ultimi anni si siano ridotti sensibilmente, tanto da spingere non solo acquirenti stranieri ad acquistare casali da ristrutturare nelle più ambite aree rurali italiane, ma anche coppie o famiglie in cerca di abitazioni indipendenti ed economiche.

Ecco i dati: il 42,5% di chi ha acquistato un rustico in Italia nel primo semestre di quest’anno ne ha fatto la prima casa (il 57,5% lo ha invece adibito ad immobile per il tempo libero o adatto ad ospitare un’attività di tipo ricettivo). Tra le aree più ambite, come si diceva, c’è anche la provincia di Brescia, con Cellatica e Gussago in testa alla lista dei Comuni più appetibili, ma anche con Passirano e Flero, che riescono ad accontentare acquirenti con una disponibilità economica più contenuta.

Nella zona di Gussago e Cellatica, al confine con la città, ma già nel prestigioso territorio della Franciacorta, nel primo semestre di quest’anno la tipologia di acquirente si è ridotta essenzialmente all’imprenditore, in cerca di un rustico di almeno 1000 metri quadri, con annesso un terreno di 10-12 mila metri quadri da adibire ad attività agricole, vitivinicole o ricettive, o alla famiglia che desidera lasciare l’abitazione in città per un immobile più indipendente e circondato da giardino (in genere la ricerca si concentra su ruderi di 200 mq con almeno 1000 metri di giardino). Quanto ai prezzi, nella periferia di Cellatica ci si può accaparrare un rustico per 700 euro al metro quadro, che salgono a 900 in centro, così come nella periferia o nelle frazioni di Gussago. Se il rudere è in pessime condizioni o sottoposto a vincoli paesaggistici però il costo per la ristrutturazione può raggiungere anche i 1500 euro al metro quadro, fattore che spinge chi ha un budget risicato o comunque non vuole rischiare brutte sorprese, ad optare per l’acquisto di un rudere già ristrutturato, almeno nelle sue componenti strutturali. In questo caso i prezzi oscillano tra i 2150 e i 2400 euro al mq.

Decisamente più economiche le quotazioni di Passirano, che pur essendo in Franciacorta offre rustici a soli 400 euro al metro quadro, da ristrutturare, e di Flero, dove i prezzi medi per la stessa tipologia di immobile non superano in genere i 500 euro. Non a caso in queste due località non sono pochi coloro che negli ultimi mesi hanno acquistato piccoli rustici da sistemare, anche solo parzialmente, per trasferirsi durante le vacanze, come seconda casa, oppure pensionati e piccoli investitori che hanno deciso di destinate i propri risparmi all’acquisto di soluzioni, anche piccole, ma tranquille ed indipendenti. È il caso anche di acquirenti provenienti da fuori provincia e di piccoli investitori olandesi o svedesi, che, complici voli sempre più economici, si sono lasciati affascinare dalle campagne bresciane. La spesa media per un rustico di 150-200 metri quadri con annessi 300-400 metri di terreno oscilla di solito tra i 150 e i 200 mila euro. Si tratta di cifre molto vicine a quelle che Tecnocasa ha riscontrato in alcune zone dell’Umbria e della Puglia. A Gualdo Tadino, per esempio, in provincia di Perugia, dove il mercato dei rustici e dei casali indipendenti in campagna è tra i più vivi. Ma anche nel Salento, dove le pajare da ristrutturare, hanno dimensioni e prezzi che le hanno rese molto più interessanti delle più prestigiose masserie.

Fonte: Giornale di Brescia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News