Master mtb è partito da Gussago con il sole

Master mtb marzo 2017

Sabato 25 marzo c’è stato il battesimo del fuoco per i bikers che hanno deciso di seguire anche quest’anno il Master Mtb. Un caldo sole, che invitava a cercare zone d’ombra, ed un cielo totalmente azzurro, hanno accolto i numerosi bikers che durante tutto l’arco della giornata sono venuti a Gussago per partecipare alla seconda edizione del Trofeo Comune di Gussago – Gusport Kafè, evento organizzato dall’Italia Sport Team.

Ci troviamo a due passi dalla città di Brescia e allo stesso tempo sul territorio della Franciacorta. Sulle colline circostanti il centro sportivo, è stato allestito un percorso, lungo 5,86 metri, molto tosto. Chi è della zona sa che a Gussago non esistono salite dolci, ma solo rampe da rapportino, spesso cementate, in sintesi c’erano tre erte “tostissime” e discese dove bisognava sempre mantenere alta la concentrazione.

La giornata è stata lunghissima in quanto ci sono state ben quattro partenze. I primi a scattare, alle 11:00 sono stati tutti i Master. Davanti quelli fino a 39 anni di età dietro dopo una trentina di secondi tutti gli altri. Dopo 3 giri il primo a tagliare il traguardo è stato Simone Colombo (M3 – KTM Protek Dama) in sella alla sua inconfondibile Myroon. Il brianzolo ha dato due minuti a Gianluca Bianchi (M5 – Stefana Bike) alle cui spalle sono arrivati, prima Carlo Manfredi Zaglio (M4 – Racing Rosola) e poi Alessio Bongioni (M3 – Stefana Bike). Nono Leonardo Arici (Racing Rosola), il primo tra i Master 6. Gli altri hanno proseguito ancora per una tornata, dopo 1 ora 26” dopo aver completato quattro giri, sul traguardo, si è presentato il dominatore assoluto della gara, il trentino Ivan Pintarelli che è un Master 2. Alle sue spalle ma staccato di 1′ 38” il veneto Pietro Lunardi (M2 – Lunardi Corratec), terzo il primo dei più “giovani”, il Master 1 (30-34 anni) veronese Michele Righetti che quest’anno è passato al team Bertasi. Seguivano nell”ordine Omar Codenotti e Francesco Frassani.

La seconda gara ha invece coinvolto tutte le donne. Non ha avuto nessuna difficoltà a vincere l’altoatesina Anna Oberparleiter (Lapierre Trentino) che ha staccato di sei minuti, la bresciana Valentina Garattini (Niardo for Bikes), la prima tra le donne amatori, terza assoluta a 11 minuti la veronese Lorena Zocca (SC Barbieri). Quarta la lombarda Katia Moro che da quest’anno difende i colori di un team della Valle d’Aosta, i giallo neri del Pila Bike Planet. Lei è stata la prima juniores ad arrivare sulla linea del traguardo.

Nel primo pomeriggio hanno preso il via i bikers della categoria, regina, quella degli Elite, affiancati però anche da Under 23, Elite Sport e Junior. Senza rivali Martino Fruet sceso dal Trentino per dare spettacolo e ci è riuscito, oggi ha vinto nettamente chiudendo la gara in 1 ora 17′ 48” davanti all’under 23 Marco d’Agostino del team Carbonhubo, staccato di 4′ 16”, terzo un’altro trentino, Simone Moletta del team BSR. Il primo degli ELMT ad arrivare è stato Cristian Boffelli del team Pavan Free Bike, ha chiuso l’assoluta in settima posizione. Tra gli juniores terzo successo di giornata per il team Lapierre Trentino con Zaccaria Toccoli, seguito dal compagno Fabio Signorino, terzo il campione italiano Matteo Cucchi (NOB Selle Italia).

Fonte: pianetamountainbike.it

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News