Mec-Gar, c’è un doppio centro con i ricavi e il risultato netto

Mec-Gar

Un anno vissuto da protagonista, culminato con il doppio centro realizzato con i ricavi e il risultato netto. Questa la sintesi del 2018 per la Mec-Gar, l’azienda con quartier generale a Gussago e specializzata nei caricatori per pistole semiautomatiche (oltre cinque milioni i pezzi prodotti all’anno), forte del nuovo assetto ormai consolidato. La società – che fa riferimento ai fratelli Aldo e Carlo Bonomi (Bonomi Group) e alla famiglia Ruggeri-Gnutti-Landi – è presieduta dal Cavaliere del Lavoro, Aldo Bonomi, e guidata dal giovane amministratore delegato Andrea Ruggeri Gnutti. Il Consiglio di amministrazione è completato da Carlo Bonomi e da Gianluigi Landi. La forza lavoro, al 31 dicembre scorso, era di 68 addetti (in aumento sull’anno prima), ma già ora si è rafforzata ulteriormente attestandosi a 88 dipendenti. E non sembra ancora finita, considerato l’intervento di ampliamento – entrerà nel vivo a breve – non solo dal punto di vista produttivo, ma anche per nuovi uffici. L’azienda, nata nel 1965 a Gardone Valtrompia, conserva nel comune della Valle magazzino, attività di montaggio e spedizioni, inoltre può contare sul supporto di una commerciale in Connecticut negli Usa.

Il bilancio dello scorso esercizio della Mec-Gar evidenzia ricavi in aumento da 21,610 milioni di euro a 25,047 mln di euro: vendite realizzate in piccolissima parte a livello nazionale (poco più dell’1%, destinato comunque a prendere poi la strada estera), per il resto in Europa (circa il 20%), ma soprattutto sul mercato americano. Il margine operativo accelera da 7,67 mln di euro a 11,696 milioni di euro, mentre il conto economico si chiude con un utile netto ancora in crescita a 7,223 mln di euro (profitti per 6,173 mln di euro dodici mesi prima), considerati anche alcuni benefici fiscali connessi al cosiddetto Patent Box. Performance che consentono al Cavalier Aldo Bonomi di ribadire l’importanza dell’operazione Mec-Gar. «Una scelta vincente, ne siamo sicuri», sottolinea. Confermato l’impegno sul fronte degli investimenti: uno sforzo di quasi 2,5 mln di euro nel biennio 2017-2018, «superiore a quello compiuto in precedenza per trasformare l’azienda da realtà artigianale a industriale e costantemente orientato anche in ottica 4.0», sottolinea Andrea Ruggeri Gnutti. Almeno altri due milioni di euro sono previsti nel budget di quest’anno, un esercizio iniziato in linea con quello precedente. «Siamo molto soddisfatti dell’andamento – conclude l’amministratore delegato -. L’azienda è protagonista e leader di settore».
R.E.

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News