Neppure l’elicottero risolve il mistero di Giuseppe Antonelli

Giuseppe Antonelli

Mobilitazione ad oltranza. Nonostante la giornata festive, ieri è stata un’altra frenetica giornata di ricerche di Giuseppe Antonelli, l’imbianchino 51enne di Gussago del quale non si hanno più notizie dal 28 luglio. Nell’area che l’Unità di crisi locale considera realisticamente copribile da una persona che si sposta a piedi e nelle condizioni fisiche non ottimali nelle quali si trovava Antonelli quando si è volontariamente allontanato dal Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna, hanno operato 70 persone. Alle squadre logistiche e cinofile di volontari della Protezione civile coordinate da un funzionario della Provincia di Brescia, erano affiancati i carabinieri e, ovviamente, i Vigili del fuoco che hanno schierato dieci effettivi impegnati in due squadre «ordinarie» e un distaccamento Tas esperti di «Topografia applicata al soccorso», un nucleo specialistico di ricerca sul territorio. La zona è stata perlustrata dall’alto da un elicottero. Se nei giorni scorsi il velivolo non era stato impiegato perché le ricerche si stavano svolgendo in un territorio molto frequentato e questo avrebbe decisamente vanificato l’operatività dell’elicottero, ieri sono stati passati al setaccio per lo più campi, canali irrigui e rogge, e la visione dall’alto è stata fondamentale per una valutazione più efficace di possibili tracce di passaggio attribuibili ad Antonelli, comunque non rilevate. Proseguono in parallelo alle ricerche anche le indagini dei carabinieri, particolarmente delicate e complesse, anche perché l’ultimo punto ufficiale di avvistamento è certificato da una volante della Questura che ha intercettato Antonelli alle 23.30 circa del 28 luglio in zona Santellone, ma da allora c’è solo la segnalazione di una coppia di cinofili che ha visto l’uomo domenica 2 agosto sulla collina di Sant’Anna. Le ricerche riprenderanno oggi.
Mauro Leombruno

Inghiottito nel nulla, adesso si teme il peggio

Con il trascorrere del tempo e l’incedere delle ricerche cresce l’apprensione. Per tutta la giornata di sabato 60 volontari della Protezione civile coordinati dai Vigili del fuoco e carabinieri sono stati impegnati nella perlustrazione del territorio dove è sparito nel nulla Giuseppe Antonelli, imbianchino 51enne di Gussago. Tutto è iniziato il 28 luglio: in seguito a una caduta accidentale in casa, Antonelli viene medicato alla clinica Sant’Anna. Presenta escoriazioni e tumefazioni agli arti e al volto, ma lui firma per le dimissioni volontarie e lascia il Pronto soccorso. Nel corso della notte alcuni residenti nella zona Santellone allertano la questura perché un individuo che vaga in stato confusionale. La volante della Polizia accerta che si tratta proprio di Antonelli. Da quel momento si perdono le tracce del 51enne. Il 29 luglio i parenti denunciano la scomparsa ai carabinieri e scattano le indagini. Lo smartphone viene ritrovato a casa e nonostante gli sia stato appena accreditato il reddito di cittadinanza dal conto corrente non risultano prelievi. Il 6 agosto due volontari cinofili segnalano che la domenica precedente, mentre stavano effettuando un addestramento con i loro cani sulla collina di Sant’Anna, hanno avvistato una persona somigliante ad Antonelli. L’avvistamento viene considerato attendibile dagli inquirenti a differenza delle altre segnalazioni sui social. Le ricerche si concentrano nell’area compresa tra la collina di Sant’Anna, il Santellone e la Mandolossa. Viene mobilitata anche l’unità cinofila del Gruppo Argo di Paderno. Dopo una breve pausa imposta da ragioni burocratiche, si torna a perlustrare casolari e i capannoni industriali abbandonati e canali irrigui e nei torrenti. Quel che è certo, è che a piedi e nelle sue condizioni di salute precarie il 51enne non può essersi allontanato molto. La scomparsa resta un giallo. E da stamattina le ricerche riprenderanno.
Mauro Leombruno

Fonte: Bresciaoggi

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News