Il pareggio con il Valtrompia condanna il Gussago Calcio alla retrocessione

Logo Gussago Calcio 2017

Gussago Calcio – Valtrompia 0-0

Se il rocambolesco 3-2 subito nella gara di andata ha dato ben più di una speranza al Gussago di ribaltare la doppia sfida, la partita di ritorno legittima una sentenza tutto sommato giusta guardando solo alle 2 gare dei play-out. Il Valtrompia rimane in Prima Categoria, il Gussago invece la saluta e scende in Seconda. Con la speranza, sulla sponda franciacortina, che si tratti di un semplice e breve «arrivederci». La formazione allenata da Pietro Cabassi deve difendere la vittoria conquistata in casa, poiché il regolamento non prevede la differenza tra gol segnati in casa e trasferta, mentre il Gussago ha solo la vittoria come unica opzione. Su un campo a dir poco irregolare, per le zolle che fanno rimbalzare il pallone in modo imprevedibile, Angelo Savoldi (squalificato) sceglie di giocarsi la stagione rinunciando alla fisicità di Boakye e schierando Bove con Cancarini e Pecis largo a destra. Proprio quest’ultimo sembra il più in palla, visto che al 10′ un suo spunto recapita il pallone a centro-area per l’inserimento di Lai, non troppo coordinato e quindi autore di un sinistro debole. Il Valtrompia non si limita a giocare per non perdere, e progressivamente, si adatta ai ritmi spezzettati della partita, costruendo al quarto d’ora l’occasione più grossa: Vernuccio da sinistra crossa, Molinari anticipa tutti sul primo palo e di testa manda a lato. La partita torna ad intorpidirsi sul fronte delle occasioni a causa della tensione, solo un pasticcio tra Ferretti in uscita e Benaglia sveglia gli spettatori, con Sala che non ne approfitta per la chiusura di Cameletti. Prima dell’intervallo Molinari lascia il campo per infortunio, Simonelli entra e non lo fa rimpiangere, colpendo la traversa al 7′ della ripresa con un gran destro al volo da fuori area. La manovra di un Gussago bloccato dalla tensione risulta confusa, nevrotica, come l’uscita di Ferretti che, al 21′, si fa soffiare il pallone da Grazioli, contrastato al momento di calciare a porta vuota. L’inerzia è tutta dalla parte del Valtrompia, con Gelain che al 28′ spreca da ottima posizione. Il Gussago progressivamente perde lucidità e si limita a sparacchiare in avanti senza costrutto. Nel finale c’è una sola occasione, ma non del Gussago: è Ferretti che respinge il tocco sotto di Simonelli e impedisce al Valtrompia di chiudere definitivamente la contesa.
Vincenzo Spinoso

GUSSAGO CALCIO: Ferretti 5,5, Salvadori 6 (16′ st Boakye 6), Belleri 6, Ungaro 6 (34′ st Islami sv), Cameletti 6, Benaglia 5,5, Lai 6, Lumini 6, Cancarini 5,5 (9′ st Barbisoni 6), Bove 6 (20′ st Trainini 6), Pecis 6. A disposizione: Formenti, Squassina, Dancelli, Trainini. All. Savoldi (squalificato, in panchina Verona).
VALTROMPIA: Di Giorgi 6, Zoli 6, Vernuccio 6,5, Pizzata 7, Poli 7, Tameni 6, Cotelli 6,5, Gelain 6, Molinari 6 (46′ pt Simonelli 6,5), Sala 6,5, Grazioli 6. A disposizione: Paoli, Nesci, Ferrari, Reboldi, Palmiri, Zanoletti, Bosetti, Baikoro. All. Cabassi.

Arbitro: Bassi di Crema 6.
Note: 120 spettatori; ammoniti Salvadori, Zoli, Di Giorgi; espulso Bove al 41′ st; recupero 2′ e 5′.

Fonte: Bresciaoggi