“La scuola ha riaperto”

puliAmo Gussago

Mi sentivo una “sopravvissuta”, sopravvissuta alla Dad, sopravvissuta ad un delirio che ha sconvolto il mondo intero, sopravvissuta ad una strana e solitaria estate e poi… E poi, finalmente, si sono aperte le porte della scuola. Da allora sono rinata, ho sentito che il mio punto di equilibrio si è ristabilito. Dopo tante tensioni, finalmente si ricominciava. Ricominciava quel dolce rituale dello scandire del tempo che la scuola da sempre mi propone. E poi ho rivisto loro, i ragazzi, che paragono ad un’ondata gigantesca di energia pura, un’energia contagiosa che è
riuscita in poche settimane ad alleggerire il peso sconosciuto che mi aveva affaticato nei mesi passati.

La scuola ha finalmente riaperto! Sono state abbattute pareti per allargare alcune aule, è stato ottenuto l’uso di alcuni spazi all’oratorio, si sono fatti i conti con il sistema sempre più complicato di arruolamento del personale (a quanto pare mai complicato come quest’anno), si sono distribuite valanghe di mascherine, assicurato gel sanificante in ogni angolo. La scuola ha finalmente riaperto!

Sono entrata in classe e a me è bastato guardare loro seduti davanti a me, pronti ad ascoltarmi che la paura è svanita. La loro energia è totalizzante, ha il sapore dell’immortalità perché a loro il senso dell’immortalità appartiene e lo hanno trasmesso anche un po’ a me quel “super potere”. Si sono adeguati immediatamente al nuovo modello che è stato loro proposto: 6 ore di lezioni con due intervalli di 15 minuti, si sono adeguati al protocollo imposto rispettandolo senza discutere. In altre parole, stanno bene a scuola e sono sereni. Sono vivaci, alcuni svogliati, altri rumorosi, altri ancora distratti, a volte assonnati, ma sono sereni, attivi e pieni di energia. Oggi, per esempio, l’energia mi è stata trasmessa dai ragazzi di 2F. Tutti loro hanno indossato la pettorina di colore giallo fluorescente con la scritta “puliAmo Gussago” e con guanti rigorosamente indossati, mascherina, rastrelli, scope, sacchetti, hanno attivato una sorta di operazione “clean up” mettendosi al servizio del bene comune e della loro Gussago. Io li seguivo, il mio collega, Alex Piantoni, ideatore dell’attività, li precedeva ed io mi lasciavo contagiare dalla loro energia.

No! Non può e non deve richiudere la scuola, si spegnerebbe l’energia che alimenta l’Universo e che alimenta anche me.
Ida Chiarello

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News