Sicurezza, in arrivo telecamere high-tech agli accessi del paese

Telecamera

Videosorveglianza: priorità massima sarà data agli ingressi del paese. Affidato ufficialmente, nelle scorse ore, l’incarico di stesura del progetto – che intende innalzare il livello di sicurezza del paese tramite l’utilizzo di telecamere e sensori all’avanguardia – il Comune di Gussago è, ora, in attesa di ricevere lo studio di fattibilità dell’impianto di videosorveglianza e di lettura targhe, a cura alla ditta Ad Consulting Srl, per valutare le procedure operative da attuare.

«Saremo in possesso del progetto tra pochi giorni – spiega l’assessore Giovanni Coccoli -. Una volta ricevuto, dovrà essere approvato dalla Giunta e quindi faremo il bando e potrà avere inizio la gara per l’assegnamento dell’incarico, che avverrà molto probabilmente a fine gennaio». In sei ingressi del paese saranno installate strumentazioni tecnologiche fisse, che sono in grado di rilevare e registrare le immagini di persone e, soprattutto, delle vetture in entrata e in uscita. La particolare attrezzatura, già collaudata sul territorio gussaghese, permette, infatti, in tempo reale, di catturare la targa delle vetture e di rilevare una mancata revisione, una mancata copertura assicurativa, e, soprattutto, un’auto rubata o sottoposta a fermo fiscale. Questi dati, registrati dalla tecnologia, formeranno uno «storico», potranno essere archiviati e contribuiranno a infittire le maglie dei controlli. Spesso infatti le auto o i furgoni utilizzati per i furti sono, nella maggior parte dei casi, rubati, e questo dato potrebbe risultare fondamentale per allertare le forze dell’ordine e per fermare il veicolo sospetto.

Il secondo step del progetto di videosorveglianza prevederà, invece, l’installazione di telecamere all’interno dei pali della luce. Queste strumentazioni, a differenza delle tecnologie applicate ai varchi, non saranno fisse, ma potranno essere spostate a secondo dell’evenienza. Osservati speciali, saranno i punti sensibili del paese, come i parchi, le scuole, i luoghi pubblici. Un capitolo, questo, ancora lontano dalla realizzazione. L’attenzione del Comune, infatti, è focalizzata sulla prima fase del progetto «che prevede la copertura di sei ingressi del paese su sette, per un costo complessivo di 50 mila euro – conclude l’assessore -. Stiamo già valutando di integrare questa somma a coprire tutti gli accessi di Gussago». Il secondo step del progetto, dunque, è ancora un’ipotesi, che dovrà confrontarsi con la disponibilità delle casse comunali e con un primo bilancio del progetto dedicato agli ingressi.
Federico Bernardelli Curuz

Copertura degli accessi
La prima fase del progetto prevede l’installazione di telecamere fisse all’avanguardia che copriranno sei dei sette ingressi del paese per la lettura delle targhe dei veicoli. Un investimento di circa 50mila euro.

Occhi elettronici
La seconda fase prevederà l’installazione di telecamere mobili integrate con i pali della luce per coprire scuole, parchi, piazze e punti sensibili.

Fonte: Giornale di Brescia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti al canale WhatsApp di Gussago News
- iscriviti alle Newsletter di Gussago News