Soprannomi: Giuseppe Spini detto “Tìmbol”, gussaghese pluridecorato al Valor militare

Giuseppe Spini detto Tìmbol - Calendario Comune Gussago 2004
Giuseppe Spini detto Tìmbol – Calendario Comune Gussago 2004

Tìmbol, (Timbol), classica macchietta popolare tra Ottocento e Novecento di professione ciabattino/calzolaio. Teresa Angeli gli dedicò una bella poesia nel volume “Gussàc vècc e dè ‘ncö”. Volontario, tra gli arditi della Prima Guerra mondiale (1915-18) per l’assalto all’arma bianca. Sovente, non appena si sentiva tranquillo, anche dopo un buon bicchier di vino gussaghese, raccontava delle prodezze dei commilitoni Arditi e sue.
Testimonianza di Sergio G. – Gussago, 12 gennaio 2014

Due persone, dopo aver letto l’elenco cognomi/soprannomi delle famiglie gussaghesi e dichiarato, entrambe, di averlo stampato su carta, …a futura memoria (non si aspettavano uno studio, perlomeno, così lungo… ) hanno aggiunto alcune particolarità riguardanti il detto TIMBOL – Spini Giuseppe, del quale ho appreso, a conferma, essere stato un ardito volontario di guerra 1^ G.M. poi pluridecorato al valor militare, mi è stata promessa la foto dello Spini con le medaglie sul petto. Se accadrà daremo doveroso risalto a questo gussaghese”.
Testimonianza di Roberto R. ed Angelo G.- Gussago, 23 gennaio 2014

A cura di Achille Giovanni Piardi

Él Tìmbol e la Vitòria

Al quater dè noèmber,
èl Timbol èl ghéra sèmper
a festezà la vitòria
coi òter combatèncc.

Sal vidia a bunùra
còl fasöl al còl
e ’l fiasch strinzìt,
cò deosiù, al cör.

Èl ghéra combatìt
’n dèla guèra del quìndes
e ’l dé dè l’ aniversàre
‘l sa sintìa dè vergü, a’ lü.

I combatèncc j-éra l’ünica
famìa chè ’l ghéra ’n tèra,
senò ’l ghéra sul scarpe,
saàcc e la sò minèla.

Él ritunàa compagnàt
dal vì chè ’l ghéra biìt
e da ’n fiasch strinzìt
al sé e ’l dinducàa (1) töt.

Enfarfuiàt (2), èl tignìa
l’ öltima comemorasiù,
‘n fónd a vià Strèta,
sòta ’l lampiù.

La matina chè egnìa re’,
sé ’l sa dessedàa ’n del lèt,
‘l-éra sul perché vergü
i ‘l-éra metìt dét.

Senò ‘l sa truàa ’n strada,
’n dè ’n cantù; la zènt
chè pasàa la-l lasàa stà;
’l-ulîa mìga éser destürbàt!

(1) barcollava
(2) parlare storpiato di chi ha la lingua bloccata

Poesia di Teresa Angeli