Trofeo Gauss Magneti 2014: anche Gussago è terra (rossa) di Antonini

Trofeo Gauss Magneti 2014

Luca Antonini, ancora lui. Ancora immortalato ad alzare una coppa. Dopo Capriolo, stavolta tocca a Gussago fare da palcoscenico al miglior tennista di Terza Categoria delle ultime settimane. È accaduto al Tennis Club Mezzodì, nel corso del quarto Trofeo Gauss Magneti, finito meritatamente, dopo un cammino impeccabile, nella bacheca del portacolori del Tc Brescia. Sette game persi in tre partite: un risultato del genere dice già tutto sulla superiorità di Antonini all’interno del tabellone finale del torneo Open. Vero che il successo arriva senza dover affrontare nessuna delle altre tre teste di serie, inciampate nei quarti (Piergiorgio Platto e Luigi Strada) o in semifinale (Enrico Gozzini, giovanissimo e talentuoso numero 1, cui mancano ancora esperienza e continuità); ma la differenza con i rivali più quotati ora è proprio questa, lo stato di forma, debordante per il trentatreenne bresciano, solamente buono per gli altri.

Antonini (classificato 3.1) arriva alla finale dominando gli avversari e stando in campo il minimo indispensabile. Francesco Bosisio (3.5), arrivato ai quarti dalle qualificazioni dopo ben sei match vinti, cede di schianto 6-1 6-1; in semifinale Alberto Bizioli (3.2) viene eliminato con un perentorio 6-3 6-0. Le vittorie di Antonini rischiano
di far passare in secondo piano il gran torneo del suo avversario in finale, Luigi Ruffoni (3.2). Il tennista del
Tc Bedizzole approda all’ultimo atto dopo aver superato 6-2 7-6 (8) Enrico Cingia (3.3) negli ottavi, battuto 6-7(4) 6-1 6-0 la testa di serie numero 4 Luigi Strada (3.2) nei quarti, e vinto la battaglia con il 17enne Enrico Gozzini (3.1) in semifinale, altro match combattuto e chiuso 4-6 6-1 7-6(4). Come a Capriolo (6-0 6-1 a Simone Gotti), anche a Gussago Antonini non fa prigionieri e sbriga la pratica finale in poche decine di minuti. La pesantezza dei colpi è differente, inoltre il numero 2 del tabellone è più aggressivo ed in piena fiducia. Ruffoni cerca qualche variante tattica, ma non la trova. E a forza di accelerazioni di dritto Luca Antonini fa suoi finale e torneo con un rotondo 6-1 6-1.
Matteo Carone
Fonte: Giornale di Brescia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News