Urta auto e corriera, lascia feriti e scappa: preso dalla Polstrada

Polizia

Prima ha perso il controllo della Mercedes Classe E di cui era al volante. E così ha finito col «centrare» una corriera a bordo della quale viaggiavano diversi studenti diretti a scuola e la Ford Focus condotta da una donna e a bordo della quale si trovavano le due figlie della stessa. A quel punto non ha trovato di meglio che fuggire, cercando di far perdere le proprie tracce. Eppure di tracce ne ha lasciate sin troppe il 49enne di origini albanesi di casa a Gussago che gli agenti della Polizia Stradale hanno indagato in stato di libertà per omissione di soccorso. Prodromo ad un processo che si celebrerà, e che si accompagna al provvedimento immediato della sospensione della patente per oltre un anno.

L’episodio risale alla prima mattinata di sabato a Roncadelle. Erano circa le 7:30 quando il conducente della Mercedes ha perso il controllo della vettura mentre impegnava la rotonda compresa tra via Martiri della Libertà, via Marconi e via Verdi del comune dell’hinterland. L’auto ha finito con l’impattare contro un bus e contro una vettura: un contuso sul mezzo pubblico e ferite la donna e le due giovanissime che erano a bordo dell’auto. Lesioni per fortuna non gravi e giudicate guaribili al massimo in capo a una quindicina di giorni. Quanto all’identità del «pirata» della strada, non sembrano avere dubbi gli uomini della Polstrada, che mettendo insieme diversi elementi raccolti nelle primissime fasi delle indagini sono risaliti al 49enne.

Difficile, infatti, che un «pirata» – passibile anche dell’arresto, in caso di mancato ravvedimento nell’arco delle prime 24 ore – non lasci elementi utili al suo rintraccio. Come frammenti della vettura rimasti a terra o un parziale della targa riferito da testimoni. Quando gli agenti si sono presentati alla porta dell’albanese ha negato ogni addebito. E neppure quando gli agenti gli hanno contestato l’evidenza dei danni riportati dalla sua Mercedes e le lesioni che lui stesso aveva riportato nell’incidente, ha ammesso responsabilità alcuna.
G. GAL.

Fonte: Giornale di Brescia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News