Vetrina abbattuta con un’ascia, terzo colpo alla sexy boutique

furti ladri

Un blitz studiato nei minimi dettagli e davvero fulmineo, quello messo a segno da due malviventi, nella notte tra giovedì 6 e venerdì 7 aprile, alla Hot sexy boutique di Gussago. In poco meno di un minuto, 50 secondi per l’esattezza, i banditi hanno fatto irruzione nel sexy shop che si affaccia su via Mandolossa e hanno arraffato completi intimi e gadget dagli scaffali. Un bottino considerevole, dato che il valore della merce sottratta si aggira intorno ai 4 mila euro.

I ladri sono entrati in azione due minuti prima di mezzanotte, a favore di telecamera: il sistema di sorveglianza, installato dal proprietario della boutique dopo i due furti subiti a giugno e ad agosto del 2022, ha infatti ripreso l’incursione dei banditi, ma non i loro volti ben celati dai cappucci delle felpe che indossavano.

Per fare irruzione nel negozio hanno sfasciato la porta di ingresso con un’ascia: una volta dentro sono andati a colpo sicuro, sapendo dove trovare la merce più costosa. Immediatamente è scattato l’allarme e dopo nemmeno cinque minuti sul posto c’erano già la vigilanza e i carabinieri. I malviventi se ne erano però già andati: fuggiti, in direzione di Gussago, a bordo di un’auto che avevano appositamente parcheggiato in una piazzale buio e non inquadrato dalle telecamere che si trova nei pressi del sexy shop.

Ma, come spiega il titolare Robertino Ansaloni, avrebbero potuto essere fermati in tempo: “Mentre sfondavano la vetrata della porta d’ingresso con un’ascia sono passate almeno 4 auto: nonostante la sirena dell’allarme fosse già in funzione, hanno tutte tirato dritto senza preoccuparsi di chiamare il numero unico per le emergenze. L’indifferenza e il menefreghismo dei passanti mi colpisce e mi rattrista molto”.

Come detto, non è la prima volta che la sexy boutique di Ansaloni viene svaligiata: “Il negozio è aperto da ben 19 anni e non era mai accaduto nulla, almeno fino al 24 giugno scorso: da allora ho subito tre furti, tutti messi a segno con lo stesso modus operandi”, prosegue il titolare dell’attività.

“Sospetto che i ladri si mescolino tra i clienti e facciano dei sopralluoghi per capire quando e come colpire. E adesso ho davvero paura, anche per la mia incolumità fisica: vivo in costante allerta e con la preoccupazione che possa accadere di nuovo”, conclude amareggiato il negoziante.

Fonte: bresciatoday.it

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti al canale WhatsApp di Gussago News
- iscriviti alle Newsletter di Gussago News