Video per 8 marzo: “Ora basta! Noi non siamo così”

Il progetto educativo e culturale dell’Istituto Comprensivo di Gussago si arricchisce di un tassello imprevisto, offerto dalla circostanza dell’8 marzo Giornata internazionale della donna. Proporrà un video/spot di tre minuti per sollecitare l’attenzione sul tema della violenza di genere in continuità ideale con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, integrata quest’anno nel Calendario civile. Ci hanno lavorato le classi 3B, 3C e 3G della Scuola secondaria “Venturelli” ed è intitolato “Ora basta! Noi non siamo così”. Si tratta di una vera e propria dichiarazione di distanza da modelli disfunzionali di relazione tra i sessi e dalla considerazione oggettuale della donna. I ragazzi accompagnati dai loro docenti hanno preso in considerazione alcune situazioni stereotipe e le hanno rappresentate mettendosi in gioco in prima persona come attori. L’affermazione finale “Noi non siamo così” suona come un manifesto: l’asserzione collettiva di una nuova prospettiva caratterizzata dalla solidarietà e dalla comunicazione gentile, simboleggiata da una rosa che viene donata e trattenute dai ragazzi.

La tensione educativa della scuola sta spingendo fortemente verso modelli positivi, al senso di appartenenza ad una comunità umana solidale, alla consapevolezza dei diritti e doveri nel quadro di una cittadinanza fondata sulla dignità della persona umana. Lo si è visto anche in occasione del Giorno della Memoria nel quadro della manifestazione della Smisurata preghiera. Le classi 5 delle scuole primarie si sono fatte vettore di paradigmi di bene a partire dalla devastante esperienza dell’Olocausto. La spinta verso un futuro migliore passa attraverso il passato e il presente ma attraversati con uno sguardo che impegna in una cittadinanza attiva e generativa di cose buone. L’Istituto Comprensivo sta cercando, non senza l’aiuto delle famiglie e del territorio, di fissare piccoli tasselli che, uno dopo l’altro, ambiscono a dare forma ad un “nuovo umanesimo”, tanto auspicato dalle Indicazioni nazionali del 2012.

C’è anche nei lavori dei nostri ragazzi un’immagine positivamente dissonante di preadolescenti rispetto ad un contesto mediale a cui purtroppo ci stiamo abituando coi recenti fatti di cronaca anche legati al nostro territorio. I nostri ragazzi dimostrano di essere in grado di dirci cosa è giusto e cosa è sbagliato, di sostenerlo con forza, ma hanno bisogno di adulti che siano in grado di intercettare il loro messaggio, di ascoltare, di lasciare loro spazio di espressione e nello stesso tempo di orientarli nella giusta direzione in un tempo di grande complessità. Questo con tanta fatica sta cercando di fare la scuola.

A cura dell’Area Cittadinanza attiva dell’Istituto Comprensivo di Gussago

Per approfondire:
https://sites.google.com/icgussago.edu.it/cittadinanza-attiva/home

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LE NOSTRE NOTIZIE!

- iscriviti alle Newsletter di Gussago News per ricevere quotidianamente via email notizie, eventi e/o necrologi
- segui la pagina Facebook di Gussago News (clicca “Mi piace” o “Segui”)
- segui il canale Telegram di Gussago News